Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)
Interdisciplinary School for Sustainability (ISS)

Scuola di San Nicola per il Dialogo Interculturale

International Summer School on: "Life-Cycle Approaches to Sustainable Regional Development"
>> more infos on LCSS website <<

Il 10 maggio 2011 a Bari, alle ore 10.30, al Portico dei Pellegrini di San Nicola, è stata presentata la “Scuola di San Nicola per il Dialogo Interculturale”.
Sotto gli auspici di Padre Damiano Bova, Rettore della Basilica Pontificia di San Nicola di Bari, alla presenza delle Autorità intervenute, il Rettore dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Corrado Petrocelli, e il Rettore dell’Università del Salento, Domenico Laforgia, hanno illustrato le finalità e le attività della Scuola.

Quale istituzione laica, la Scuola si propone di promuovere il dialogo interculturale tra i Popoli, specie tra quelli che si riconoscono nella tradizione nicolaiana e che definiscono una grande Europa che va da Lisbona a Vladivostock e dai mari polari al Mediterraneo.

La Scuola nasce per iniziativa dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro e dell’Università del Salento ed è aperta a tutte le istituzioni accademiche nazionali e internazionali che, condividendo i principi etici nicolaiani, potranno partecipare a pieno titolo alla sua crescita e gestione.

Grazie alla reciproca profonda frequentazione con Università dell’Europa centro-orientale si è potuto apprezzare pienamente l’opportunità di contribuire al dialogo interculturale radicandolo nei condivisi principi nicolaiani.

Le Università di 37 Paesi che, già intrattengono rapporti di cooperazione con le due Università fondatrici, si candidano naturalmente a partecipare. Ancor prima di ricevere l’invito formale, alcune di queste Istituzioni accademiche si sono già proposte per aderire.

Oggi il valore centrale del messaggio nicolaiano, tradizionalmente identificato nella protezione dei giovani, può essere potenziato coniugandolo con l’istanza della sostenibilità. Ed è infatti garantendo la sostenibilità che si tutelano le nuove generazioni (il futuro), facendo in modo che esse ricevano dalle generazioni attuali (il presente) almeno quanto quest’ultime hanno ricevuto dalle generazioni precedenti (il passato). Così come nei millenni, San Nicola, simbolo dell’uomo globalizzato dei suoi tempi, è stato l’emblema del dialogo interculturale, espandendosi su scala globale nella sua incarnazione contemporanea come Santa Claus, l’attenzione ai giovani e alle nuove generazioni sottolinea la sua essenza come il vero Patrono della sostenibilità. La sostenibilità non riguarda solo l’ambiente ma, più in generale, l’uguaglianza delle opportunità tra i popoli e tra le diverse generazioni. Anzi si può spingere il concetto di sostenibilità fino a ricomprendere la salvaguardia della sopravvivenza di tutte le specie, dove le specie, non sono solo quelle definite dalla biologia, ma possono riguardare qualsiasi forma di aggregazione istituzionale, culturale e sociale, realizzazione materiale o immateriale sia della natura che dell’uomo.
Dal punto di vista scientifico se la specializzazione delle discipline si è mostrata assai vantaggiosa nel potenziare il progresso delle scienze, ha però prodotto la “solitudine dello scienziato” organizzando le conoscenze avanzate in compartimenti sempre più ristretti e segmentati e rendendo perciò difficile comunicare persino con altre persone istruite ma specializzate in campi non coincidenti.
La conseguente autoreferenzialità solleva da una parte il rischio che alcuni sforzi di ricerca più utili per l’umanità siano accantonati per concentrarsi su questioni che sono più facilmente trattabili e/o più alla moda (con eccessiva omologazione della scienza) e dall’altra il rischio che nell’esercitare i suoi sforzi, lo scienziato trascuri i principi etici di base che dovrebbero ispirare qualsiasi essere umano. Questi rischi sono particolarmente importanti se ci si preoccupa della sostenibilità.

L’approccio interdisciplinare è perciò essenziale per promuovere qualsiasi forma di conoscenza in linea con la sostenibilità e al tempo stesso è anche il vero fondamento del dialogo interculturale.

La grande crisi del 2007-2009, traendo origine e colpendo soprattutto i Paesi ricchi, i drammatici eventi di crisi ambientali e nucleari nonché le emergenze sanitarie globali degli ultimi anni, le diffuse instabilità socio-politiche in diverse aree del mondo testimoniano il deficit di principi etici di coloro a cui è stata demandata la scelta dei modelli di sviluppo utilizzati in passato.

Da qui la necessità di educare élite decisionali, capaci di operare le giuste scelte in tutti quei contesti nei quali è impellente adottare nuovi modelli di governance, maggiormente attenti alle tematiche della sostenibilità.

La sostenibilità dunque quale tema di fondo, attraverso un comune fil-rouge che unisce, anno per anno, durante le successive edizioni della Scuola, tutte le diverse facce della ricerca scientifica moderna finalizzata all’individuazione di nuove soluzioni ai problemi umani di lungo periodo. Mediante questa ricerca itinerante sarà possibile offrire corsi di alta formazione caratterizzati da contributi di docenti di fama internazionale e da interventi garanti del massimo pluralismo culturale e liberi da possibili egemonie, nella ricerca e nel rispetto dei valori espressi dalla diversità del dialogo interculturale.

La Scuola di San Nicola è dunque quel luogo speciale dove si incontrano le diverse culture e le diverse specializzazioni scientifiche attraverso un continuo scambio tra docenti e studenti. In sostanza, attraverso approccio e radici etiche condivisi la Scuola può mettere a frutto le diversità dei Popoli e le diversità delle scienze per costruire un mondo migliore.

AllegatoDimensione
Brochure6.59 MB
Esegesi Scuola San Nicola100.77 KB